Emergenza sanitaria: la parola d’ordine è ripartire dal web

Emergenza sanitaria: la parola d’ordine è ripartire dal web

L’emergenza sanitaria ha accelerato il processo digitale in maniera quasi esponenziale. Nonostante l’attenzione delle aziende rivolta al web fosse già in costante aumento e nonostante si fosse registrato un decisivo incremento dell’attivazione degli strumenti digitali di lavoro, il Covid19 è riuscito a dare una definitiva spinta propulsiva.

Durante le fasi del lockdown, la maggior parte degli italiani ha fatto ricorso agli strumenti digitali per continuare a lavorare, comunicare e svolgere le attività quotidiane. Con diverse e innovative modalità, cui, però, ci siamo repentinamente abituati.

LE AZIENDE E IL WEB

In questo scenario, ripartire dal web non sembra più essere una scelta. Infatti, è proprio il web ad essersi rivelato non solo un “luogo sicuro”, ma una vera e propria ancora di salvezza per le aziende che hanno potuto, così, continuare a lavorare, ovviamente con modalità diverse. In particolar modo il sito web ha rappresentato per moltissime realtà imprenditoriali (anche locali) uno strumento vitale in questi lunghi giorni di chiusura forzata delle attività. Ora che il Paese si affaccia alla riapertura totale e alla ripartenza dell’economia, parlare di web non solo sembra fondamentale, ma quasi un dovere per gli imprenditori e un diritto per i consumatori.

INVESTIRE SUL WEB: SÌ, MA QUALI SCELTE COMPIERE?

La scelta degli investimenti da compiere sul web, dopo un periodo che ha visto in quasi tutti i settori una netta flessione dei ricavi e un flusso di cassa quasi azzerato, deve essere ponderata.

Soprattutto, deve portare a risultati concreti. Quindi, in quest’ottica, la scelta dei canali online da attivare o potenziare è fondamentale.

Attenzione, però: vale sempre la regola secondo la quale, per incrementare la propria immagine sul web e la propria web reputation, si debba partire dal sito web che rappresenta il centro dell’ecosistema virtuale (approfondisci qui).

Tuttavia, talvolta, il sito web da solo non basta. Per rendere i tuoi servizi e prodotti accessibili a utenti e potenziali clienti, dovresti valutare se:

  • Ti occorre l’implementazione dell’e-commerce. Per portare la tua attività locale ad un pubblico nazionale o mondiale.
  • Ti occorre una strategia web che punta alla promozione sui motori di ricerca. Se hai un’attività commerciale il tuo obiettivo principale deve essere quello di acquisire quanti più clienti possibili anche dal web. Quindi, di sicuro, è fondamentale che il popolo del web trovi, tra le prime posizioni sui motori di ricerca, il sito della tua azienda. Tuttavia, districarsi tra il pay per click e la SEO non sempre è facile: è necessario analizzare pedissequamente il mercato concorrenziale e analizzare le parole chiavi più importanti nel tuo settore.
  • Ti occorre una strategia di e-mail marketing automation. Hai già un ricco database di nominativi e indirizzi mail su cui vorresti porre maggiore attenzione, ma la strategia basata sull’e-mail marketing tradizionale non ha portato molti risultati? Forse è il momento di pensare all’automazione in quest’ambito. Esaminando il tuo caso specifico, il team di SparkinWeb è in grado di offrirti la soluzione migliore per la tua attività di e-mail marketing che si basa su studio, strategia, azione/automazione. Vuoi saperne di più? Scopri i servizi di e-mail marketing automation.
  • Ti occorre investire su alcuni canali social. Su quale puntare e come districarsi tra Facebook, Instagram, Youtube e il sempre più presente TikTok?

Ovviamente, per fare queste valutazioni, è necessario partire da uno studio approfondito della tua situazione web pregressa. Per far questo bisogna studiare il mercato, i competitors e il tuo target di riferimento. E oggi più che mai non ci si può affidare al “fiuto dell’imprenditore”.


Vuoi affidarci lo studio e la scelta della tua strategia web e ripartire con professionalità e tranquillità?

VOGLIO LA VOSTRA CONSULENZA

Condividi l'articolo