Email Marketing Automation: come si sviluppa una buona strategia?

Email Marketing Automation: come si sviluppa una buona strategia?

E-mail Marketing Automation: definizione, modalità d’utilizzo e vantaggi di questa strategia di marketing applicata alle campagne e-mail di promozione del tuo brand.

Aumentare le conversioni è uno dei principali obiettivi di qualsiasi imprenditore.

Un’ottima strategia per raggiungere questo scopo è l’E-mail Marketing Automation, che rappresenta un’applicazione della metodologia inbound.

Possiamo darne la seguente definizione:

è l’insieme delle attività che, attraverso degli automatismi, ti permette di inviare, programmare o comunque gestire le campagne e-mail, di qualsiasi genere.

Perciò, sia che si tratti di newsletter o di messaggi promozionali/transazionali, gli automatismi impostati consentono un invio automatico del messaggio al verificarsi di alcune condizioni.

Tuttavia, per quanto ad un primo impatto possa sembrare un processo estremamente semplice, l’E-mail Marketing Automation per dare risultati ottimali, richiede uno studio approfondito dei dati relativi a ciascun cliente. In questo modo sarà possibile orientare l’invio ed i contenuti del messaggio in base a comportamenti antecedenti.

Non si tratta di una comunicazione massiva a tutta la tua platea di potenziali acquirenti, ma di un invio strategico. Quindi pensato sulla base di una segmentazione del tuo pubblico.

I due principi cardine di questa strategia sono due:

  1. L’automatizzazione nell’invio di messaggi di posta elettronica;
  2. L’elaborazione di una strategia personalizzata e customer oriented.

Come si sviluppa una buona strategia di E-mail Marketing Automation?

Il punto di partenza è un evento cosiddetto trigger, che innesca la sequenza di eventi precedentemente pianificata (workflow).

Possiamo distinguere tra tre diverse fasi:

  • Contatto
  • Coinvolgimento
  • Fidelizzazione post-vendita

Si “registra” il contatto che ha effettuato un’azione sul nostro sito, guidandolo in un percorso finalizzato alla prima conversione (acquisto del prodotto, sottoscrizione newsletter ecc.).

Si “coccola” il contatto che ha precedentemente generato una conversione, magari con e-mail di benvenuto o informative.

È la fase più delicata, che comporta la costruzione di una relazione duratura con il cliente.

L’obiettivo è incrementare i lead con un percorso di conversione ideato su misura, che porti il consumatore a diventare cliente e, successivamente, promoter dell’azienda.

Esistono molteplici tool performanti ed efficaci per le mail automatizzate, come ActiveCampaign, che noi di SparkinWeb utilizziamo per i nostri clienti con risultati ottimali.

Alcuni esempi di automatizzazione

Anche se è fondamentale personalizzare il più possibile i contenuti ed evitare la comunicazione massiva, possiamo individuare alcune tipologie cardine di e-mail automatizzate.

Ad esempio, mandare un’email personalizzata in occasione del compleanno di un utente, magari aggiungendo un codice sconto da utilizzare sul tuo e-commerce. O ancora, gratificare chi ha appena sottoscritto l’iscrizione alla nostra newsletter con l’invio di una mail contenente consigli o un regalo.

Ovviamente, dovrai prestare attenzione al tone of voice, mantenendo un registro amichevole e non eccessivamente formale e includendo una call to action finale.

Perché optare per le e-mail automatizzate

L’automazione ha portato ottimi risultati nelle strategie di vendita delle aziende che l’hanno applicata.

Infatti, non solo determina una diminuzione delle spese di marketing, ma comporta un incremento del numero di lead e conversioni.


Vuoi approfondire la tua conoscenza dell’argomento ed elaborare una strategia di E-mail Marketing Automation?

Entra in contatto con noi.

Clicca QUI

Disponibile il libro "Il tempo è denaro, se sai come automatizzarlo" di Luca Proserpio. I tre sistemi che ogni imprenditore dovrebbe conoscere e utilizzare per generare profitto senza perdere tempo. Acquista il libro


Condividi l'articolo